Tra scogliere selvagge e rocce vive, Arbatax custodisce un meraviglioso anfratto estremamente amato nei mesi estivi, un angolo di paradiso. Cala Moresca è stata infatti spesso definita una delle spiagge più suggestive di tutta la costa orientale sarda. E’ perfetto equilibrio e incontro di un mare cristallino, tanto trasparente che permette una limpida visuale del fondale,  di sabbia candida e fina e di impreviste rocce che fanno da contorno allo scenario meraviglioso. Alle spalle la tipica macchia mediterranea, che colora di un verde smagliante la costa. Oltre alle bellezze naturali, troverete a Cala Moresca diversi servizi, che renderanno il vostro soggiorno decisamente più gradevole. Un ampio parcheggio vi accoglierà al vostro arrivo, un punto ristoro e un bel bar, per consumare pasti rapidi e gradevoli in riva al mare. E’ inoltre possibile noleggiare ombrelloni, sdraio e sedie, pedalò e natanti. I fondali rocciosi e vari l’hanno resa spiaggia molto amata dai sub, ma riesce a regalare emozioni anche ai turisti che si avventurano alla scoperta del mondo sottomarino semplicemente con maschera e pinne.

La spiaggia deve il suo nome così particolare alle frequenti incursioni saracene, che un tempo l’insenatura  deve aver visto numerose. Oggi è facilmente raggiungibile dal comune di Tortolì. Dalla città seguire le indicazioni per la zona del porto e successivamente quelle per la bella Cala Moresca. Alla spiaggia si potrà accedere grazie ad una caratteristica scalinata in cemento, che consentirà di ammirare dall’alto il bel panorama.

Nei dintorni, non distante dall’insenatura nascono una buona quantità di hotel e bed and breakfast che offrono una ottima soluzione per il pernotto. E’ possibile inoltre affittare una villetta per vivere la vacanza in Sardegna in maniera più indipendente e libera. Consigliamo di tenere sotto controllo le offerte last minute, che a bassissimi costi consentono di vivere una vacanza da sogno.

Share on FacebookShare on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page